Archive for ‘multimedia’

luglio 14, 2015

Premio Sinbad – Premio Internazionale degli Editori Indipendenti

logo_sinbad
Gentili editori,

vi invitiamo a partecipare alla prima edizione del Premio Sinbad, premio internazionale degli editori indipendenti.
nel corpo dell’email troverete il meccanismo del premio.
per il bando, la scheda di partecipazione e altre informazioni, vi rimandiamo invece al sito del Premio Sinbad

Il meccanismo del Premio
Ogni editore indipendente è invitato a partecipare con un libro di narrativa italiana o straniera pubblicato dal 1° giugno 2014 al 31 maggio 2015. La data di scadenza del bando è il 25 luglio 2015. La prima giuria è chiamata a esprimersi entro il 30 settembre 2015 con una rosa di 10 titoli di narrativa italiana e 10 titoli di narrativa straniera tra quelli pervenuti alla Segreteria organizzativa. La seconda giuria annuncerà la terna dei finalisti di ciascuna sezione il 21 ottobre 2015 in un incontro alla Casa delle Letteratura di Roma in cui i giurati dichiareranno e motiveranno le loro scelte. Il 21 e 22 novembre al Teatro Margherita di Bari, a seguito di una discussione davanti a una platea di lettori, ogni giurato dovrà dare pubblicamente ragione della propria scelta. Il vincitore di ciascuna sezione riceverà 4.000 euro. Alla fine della discussione della giuria e della proclamazione dei vincitori, la platea sarà chiamata a dare il Premio della Platea, esprimendo il proprio vincitore all’interno delle due terne dei finalisti.

La Prima Giuria è composta dagli elementi decisivi nella diffusione della lettura:
Biblioteche: Biblioteca Gino Baratta (Mantova), Casa delle Letterature (Roma), Sistema Bibliotecario della provincia di Lecce.
Blog letterari: BookFool (Laura Pezzino, Vanity Fair), Tazzina di Caffè (Noemi Cuffia), Tempoxme (Giuditta Casale).
Circoli di lettura: Circolo dei lettori (Torino), Presidi del Libro (Puglia), @TwoReaders (Twitter).
Librerie: Dickens (Taranto), Marco Polo (Venezia),Il pensiero meridiano (Tropea).

La Seconda Giuria è composta da critici e scrittori:

Narrativa italiana: Franco Cordelli, Andrea Cortellessa, Marcello Fois, Michele Mari, Elisabetta Rasy.

Narrativa straniera: Simonetta Bitasi, Concita De Gregorio, Nicola Lagioia, Marco Missiroli, Michela Murgia.

febbraio 14, 2013

e/LEGGIAMOLI – Librerie aperte il 24 febbraio 2013

eleggiamo

Cari Amici del Forum,

innanzitutto vi ringraziamo per l’adesione alla nostra lettera aperta ai candidati che ha raccolto in questi giorni tantissime altre adesioni (abbiamo superato le 3.000 firme online – http://www.forumdellibro.org), e sulla quale già oltre 60 candidati si sono impegnati.

Un’occasione importante per firmare la lettera sarà un’iniziativa lanciata dalla nostra associazione con i librai italiani, è cioè tenere aperte le librerie il 24 febbraio, giorno delle elezioni per farne un punto di incontro e di dialogo tra i cittadini elettori.

Stiamo raccogliendo l’adesione di numerose librerie in tutta Italia sia indipendenti sia di catena: possiamo chiedervi la disponibilità ad andare in una libreria della vostra città il giorno del voto per un breve incontro con i lettori?

Le disponibilità possono essere comunicate a Rocco Pinto (tel. 011-19923177, info@ilpontesulladora.it), che coordina l’iniziativa a nome della nostra associazione e si possono seguire su Facebook all’indirizzo http://www.facebook.com/pages/La-parola-ai-lettori/475284262528394.

Restiamo in attesa dei una risposta ringraziandovi molto, un cordiale saluto

Rocco Pinto Giovanni Solimine
(coordinamento organizzativo) (Presidente Forum del libro)

novembre 16, 2012

Bookparty a Milano Bookcity

 

In occasione di Milano Book City, il nuovo festival organizzato dal Comune di Milano dal 16 al 18 novembre, arriva:

MILANO BOOK PARTY
by
Instar Libri, Iperborea, La Nuova frontiera, minimum fax, nottetempo, Voland

Nella cornice spettacolare del Padiglione Aeronavale del Museo della Scienza e della Tecnica, una serata di libri, vino, reading, incontri, performance, musica live, danza, proiezioni e dj set, organizzata da un gruppo di editori indipendenti.

Sabato 17 novembre
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci
Padiglione Aeronavale
Via Olona 6, MM2 Sant’Ambrogio


Il programma:

20:30 Apertura Cancelli
21.15-22.00: Sala Conte Biancamano – “Letture sommerse”: reading di Alessandro Bertante, Alessandro Beretta, Massimo Gardella, Alcide Pierantozzi, Marco Rossari
21.30: Sotterranei, “L’improvvisatore” di Luca Scarlini, un racconto gotico per spettatori notturni
22.00-23.00: Sotterranei, Live Tango Absynthe
23.00: Sala Conte Biancamano – “Proiezioni sommerse”
23.00: Sotterranei, Dj Set

Ingresso a 12€ con consumazione + libro indipendente salvato dal macero (fino a esaurimenti posti)
Salta la coda e paga solo 10€ acquistando il biglietto sul sito www.milanovino.it fino alla mezzanotte di venerdì

Una serata sponsorizzata da:
IBS.IT

In collaborazione con:
Milanovino.it
Turné eventi

Media Partner:
LifeGate

novembre 12, 2012

Mulini a Bookcity Milano [16-18 novembre 2012]

Il castello Castello Sforzesco di Milano, cuore pulsante di Bookcity Milano, si anima con un grande laboratorio dedicato al libro e alla lettura. Alcuni luoghi della cultura e della vita sociale milanese diventano le sedi tematiche per ospitare autori, mostre e dibattiti. In tutta la città librerie, biblioteche, scuole e istituti culturali propongono eventi dedicati al libro e alla lettura.

Gli incontri e gli eventi di BOOKCITY MILANO sono gratuiti e a ingresso libero fino ad esaurimento posti, salvo diverse indicazioni che verranno segnalate sul sito. Intanto ecco qui i nostri.

flash book mob
seminari
eventi

maggio 15, 2012

flash[mob]video

dicembre 14, 2011

il prezzo di copertina e non gli sconti

da Affari Italiani

Gaspare Bona, cosa vi ha spinto a prendere una decisione senza precedenti?

“Le statistiche valgono per i grandi numeri, dunque per quegli operatori che mettono sul mercato un numero molto elevato di romanzi. Instar Libri, con le sue 12-14 novità all’anno, non è un campione rappresentativo: a noi bastano pochi libri che vanno bene per essere sopra la media. E quest’anno con i nuovi romanzi di Enrico Pandiani, Marco Truzzi, Elisabetta Severina e Patrizia Varetto ci siamo difesi. Non parlerei quindi di ‘disperazione’, quanto di una risposta di buon senso a un sistema che giudico malato, e soprattutto di rispetto per l’autore. L’idea mi è venuta da una conversazione con Guido Carota, un libraio di Santa Margherita intelligente e indipendente (non solo nella struttura societaria, ma nelle idee). Mi ha raccontato che quando un cliente gli chiede dov’è il banco delle novità, lui scherzosamente gli fa un cenno circolare con il braccio e gli dice: ‘Li ha già letti tutti?’. Un libro di Camilleri o di Faletti dopo pochissimo tempo non è più una novità perché lo comprano e lo leggono decine e spesso centinaia di migliaia di persone. La stragrande maggioranza dei romanzi, anche quelli con un buon riscontro di critica e di lettori, vende qualche migliaio di copie. In un Paese di 60 milioni di persone non sono certo dei déjà vu. Quindi spesso non è un motivo commerciale o qualitativo che li fa sparire dagli scaffali, ma il diabolico bisogno di sfornare in continuazione titoli nuovi per occupare gli spazi delle librerie, nella speranza di centrare il libro da un milione di copie. Lasciando sul campo molti libri che meriterebbero di diventare dei classici. E qui interviene il buon senso. In una piccola/media casa editrice indipendente, un libro ben scelto e ben fatto rappresenta un notevole investimento, sia nella sua realizzazione sia nella sua promozione, dunque la durata temporale è un elemento economico fondamentale. Ma l’aspetto che mi urta di più è un altro: di rado si pensa che dietro a un libro che sparisce non c’è solo un danno economico per l’editore, ma un danno ‘esistenziale’ per l’autore. Un libro non è solo un oggetto che si fabbrica, si vende, si legge, si butta. E’ un pezzo d’anima dell’autore. Una fetta importante della sua vita lavorativa. I quattro libri (sette tenendo conto i tre di Blu Edizioni) che riproponiamo a gennaio-febbraio sono tecnicamente delle riproposte, ma noi li presentiamo come novità, rafforzate da lusinghieri giudizi della critica e dei librai”.

read more »

marzo 31, 2011

La Svizzera e il prezzo [fisso] del libro

di Amanda de Marco da Publishing Perspectives

On March 18 the Swiss parliament approved a fixed price system for books in German-speaking Switzerland, both for online and in-store sales as of next year. The debate over fixed book pricing is a complicated and volatile one in Europe. Various degrees of price control exist side by side, and countries vacillate on the legality and benefit of fixed price systems. In Germany all books, including e-books and books sold as apps, are included in the fixed price system. French law excludes books that don’t closely correspond to a printed edition (apps), as well as foreign buyers and sellers. Britain hasn’t had fixed book pricing since the Net Book Agreement was declared illegal in 1997.

Since the 2007 repeal of the fixed price system in German-speaking Switzerland, publishers there have been fighting to reintroduce it. Various proposals have excluded online sales, which would have been catastrophic for physical stores. The issue finally came to a head earlier this year, when both houses of Swiss parliament separately approved a fixed price system for both in-store and online book sales, requiring Friday’s final vote for ratification.
Lack of Price Control Caused Problems for Bricks-and-mortar Bookstores

Swiss publishing professionals often compare the effects of the repeal of fixed book pricing to those of the abolition of the Net Book Agreement in Britain: price wars over bestsellers, deep discounts of up to 30% by big booksellers like Thalia and Orell Füssli. Andreas Grob, Managing Director of Buchzentrum, a large distributor and wholesaler owned collectively by Swiss bookstores, has witnessed online sellers benefit while physical stores have experienced “ever-increasing problems.”

read more »

novembre 9, 2010

In Francia la legge sul prezzo fisso del libro si estende anche al digitale

di Andrea Coccia [da booksblog.it – 9 Novembre 2009]

Nella notte tra il 26 e il 27 ottobre scorso nelle sale del Senato francese è successa una cosa che qui da noi suonerebbe talmente impensabile e pazzesca: non parlo del fatto che il parlamento fosse aperto di notte (mentre qui da noi di notte i politici fanno ben altro che votare leggi), e nemmeno del fatto che hanno votato all’unanimità a favore di una legge (qui da noi succede solo quando bisogna approvare i propri stipendi), parlo invece di una legge necessaria per l’editoria libraria all’epoca della sua riproducibilità digitale.

Si tratta, in buona sostanza, della estensione della legge Lang, in vigore oltralpe dagli anni ‘80, al mercato editoriale digitale, ovvero dell’imposizione del prezzo unico del libro fissato dalle case editrici. Un modo nient’affatto originale ma, come dimostra la pluriennale esperienza francese, molto efficace, per preservare l’indipendenza e la varietà di offerta editoriale nel paese.

Una legge intelligente a favore dell’editoria, approvata di notte, dai membri del Senato all’unanimità: neanche il più ingenuo idealista porebbe sognare una cosa del genere per l’Italia. Ed è proprio questa assoluta prevedibilità la cosa che fa arrabbiare di più.

[la foto in apice viene da qui]

ottobre 30, 2010

blog, blog, blog

Editoria. Dalla parte dei Mulini a vento [lacittàdisotto.org Laboratorio sociale – 17 Ottobre 2010]
Chi decide cosa leggiamo? [turismoassociati.it – 24 Ottobre 2010]
Prezzo del libro e crisi dell’editoria [studio83.splinder.com – 29 Ottobre 2010]
Libri, la trappola della legge Levi [ilmegafonoquotidiano.it – 30 Ottobre 2010]

ottobre 14, 2010

rapporto sullo stato dell’editoria

Rapporto sullo stato dell’editoria 2010 a cura dell’AIE.

Tag: , ,