Archive for agosto, 2011

agosto 25, 2011

prendiamoci tutto!

Vogliamo la legge perché equilibria il mercato dei libri, perché ne salva la ricchezza e molteplicità, perché permette la sopravvivenza di librai e editori, e dunque la sopravvivenza del iibro. Vogliamo la legge perché il libro non è una merce in liquidazione, perché il libro è già il prodotto più economico sul mercato, perché gli sconti condizionano e truffano i lettori. Vogliamo tutti la legge. Ma fino all’ultimo vogliamo godere della sua assenza! Ah, come siamo italiani!

Arriva la legge sul libro: ultimi giorni di sconti superiori al 15%

Gentile Cliente,

ti ricordiamo che dal 1° settembre entrerà in vigore la legge sul libro che prevede non possano essere più effettuati sconti superiori al 15% sul prezzo di copertina, tranne poche eccezioni (tra di esse le campagne promosse dagli editori col limite del 25% e le promozioni sui titoli invenduti da tempo).

Il Fuori tutto è l’ultima occasione per acquistare i libri che desideri con sconti anche superiori al 15% e fino al 50%!

Non perdere quest’opportunità!

Ultimi giorni per approfittare del fuori tutto!

IBS taglia i prezzi fino al 50% su 100.000 libri in pronta consegna (indicati nel sito con la scritta 24 ore o Disponibilità immediata).

Inoltre, potrai scegliere anche tra migliaia di DVD, Blu Ray, CD e videogiochi disponibili immediatamente a prezzi scontati fino a -75%!

L’offerta è valida fino al 30 agosto.

Gentile CLIENTE,

dal 1° settembre 2011 entra in vigore la nuova legge sul prezzo del libro definitivamente approvata dal Senato il 20 luglio u.s. per cui non sarà più consentito a nessuno, salvo poche eccezioni concordate con gli editori, di praticare al pubblico uno sconto superiore al 15%.

Perciò approfitta degli ultimi 10 giorni di promozione

fino a mercoledì 31 agosto

solo per i possessori della nostra tessera sconto del 25% su tutti i titoli presenti in libreria

visita il sito www.libreriacroce.it

Vi aspettiamo
Libreria Croce

Annunci
agosto 3, 2011

la legge del più forte?

di Daniela Di Sora
[una breve risposta a all’intervento di Alessandro De Nicola su Il Sole 24ORE di martedì 2 Agosto 2011 Molti commentatori auspicano un governo di unità nazionale, o “tecnico”, per far uscire il paese dalle secche della crisi. Presi dall’esasperazione per la miserabile farsa offerta dalla classe politica (ultima, l’incredibile, dannosa approvazione al Senato della legge sul “processo lungo”), è comprensibile che ci si eserciti su tale ipotesi: forse tutti insieme i politici riusciranno a fare quello che, per motivi di lotta politica e di pressioni lobbistiche, a maggioranza non riescono a fare]

Gent.mo Alessandro De Nicola,

scusi, ma come mai fra i tantissimi editori piccoli, medi e anche grandi favorevoli alla legge, e anzi che si sono battuti perché la legge venisse approvata, lei cita solo i pochissimi contrari? E Francia, Germania, Svizzera e Spagna, che si sono dotate da anni di una legge su questo tema, molto più restrittiva della nostra, sono nazioni notoriamente illiberali?

Il mercato, per funzionare, vuole regole, e non solo la legge del più forte. Scontare un libro appena uscito vuol dire averne aumentato il prezzo all’origine, è evidente.

E come mai tanti ultraliberisti nostrani non si battono contro la concentrazione nelle mani di pochissimi gruppi editoriali di tutta la filiera del libro? Produzione, distribuzione, vendità e magari anche pubblicità in giornali e televisioni collegate?

agosto 2, 2011

una serie di punti

di Carmine Donzelli

Carissimi Mulini,

Provo a dirvi la mia su una serie di punti.

1. Dibattito sulla legge. Le reazioni “liberiste” non sono da sottovalutare. Come sempre, possono pescare a piene mani nella demagogia e nell’approssimazione. Non mi preoccupano tanto in funzione della legge appena passata, quanto soprattutto perché non faciliteranno un clima serio per la discussione che vorremmo avviare sulla legge nuova. La situazione è in forte movimento, e noi dovremmo riuscire a chiarire alcune cose, almeno le più importanti:

a. Le nostre proposte sulla limitazione degli sconti e delle campagne erano tanto insensate e radicali che … le hanno accolte e fatte proprie tutti i grandi editori!!! Perché hanno cambiato idea in corsa? Perché si sono accorti tutti che amazon stava rischiando di fare saltare il banco per tutti.

b. La nostra posizione non è anti-liberista. Al contrario, è anti-oligopolista. Vuole garantire parità e pluralità di accessi a un mercato che tende sempre di più a chiudersi e a restringersi. Io sono tutto meno che un “protezionista”, in fatto di libri e di idee. Sono sempre stato convinto che, nel nostro campo, il mercato, alla lunga, sia il solo vero giudice del valore culturale di un libro. Ma il problema sta in quelle due paroline: “alla lunga”. Il ciclo sempre più corto del libro in libreria snatura proprio l’effetto di concorrenza, deforma il mercato, si pone come una barriera di accesso alla pluralità e alla qualità dell’offerta editoriale.

read more »

agosto 2, 2011

libera iniziativa non monopolio in mano a pochi /2

di Valentino Castelli [Libreria Pane e Vino, Chiavari (GE)]

un’altra risposta al post di Serena Sileoni pubblicato su Chicago-Blog Innanzi all’approvazione parlamentare della nuova legge sull’editoria, a coloro che credono sia necessario ed auspicabile che il mercato librario rimanga libero non resta che appellarsi all’autorità del Presidente della Repubblica. Vi invitiamo a sottoscrivere e a diffondere quanto più possibile questa petizione

Ho letto con passione e attenzione la questione della legge sul libro e una ridicola petizione lanciata su internet che la riguarda.

Con stupore scopro che la promotrice della petizione contro la legge sul libro è tale Serena Sileoni. Questa signora è addirittura uno dei due direttori editoriali della casa editrice LIBERILIBRI (alla stessa stregua, molti di quei signori/e che hanno firmato il vergognoso appello al nostro Presidente della Repubblica lavorano, con varie funzioni, per questa casa editrice).

vedere link e provare per credere: http://www.liberilibri.it/contatti.php

read more »