Archive for maggio, 2011

maggio 30, 2011

scolastica e non solo

Gentilissima dott.ssa Bompiani,

Le allego il testo del mio intervento nel convegno tenutosi ieri sera alla presenza dell’on. Levi.

Devo conferssarLe, ed è stata anche la sensazione provata dai colleghi intervenuti, che forte è stato il senso di frustrazione che mi ha accompagnato nel sentire le indicazioni che Levi ha dato sulla scolastica, che sono all’esatto opposto dell’interpretazione che Lei mi aveva anticipato nella mail di cui sotto. Levi ha sostenuto infatti che la scolastica rientra in tutto e per tutto nella normativa e che quindi gli sconti fino al 15% sono ammessi.

Ho colto, ahimè, la scarsa percezione da parte dell’onorevole del mercato della scolastica, fondamentale polmone di sopravvivenza per molte librerie e cartolibrerie in condizioni normali (non nelle attuali): la legge in questo modo è totalmente indifferente per molti operatori del settore.

L’onorevole ha poi derubricato a “pratiche commerciali” le problematiche che, se Lei vorrà leggere, evidenzio nell’allegato, pratiche che la legge non vuole normare in alcun modo e che comunque non è nelle intenzioni di future iniziative. Ho segnalato pertanto che, comunque la si prenda, se l’intendimento è di considerare queste situazioni come tali (pratiche commerciali) l’unica altra via è quella di prevedere un tetto massimo più basso per la scolastica. Altrimenti il tutto diventa inefficace.

Nel frattempo gli operatori sono sommersi dalle gare d’appalto che le pubbliche amministrazioni stanno approntando sulla scolastica (se volesse approfondire ne stiamo raccogliendo parecchie sia sui testi della scuola primaria che già hanno prezzo calmierato e stabilito del MIUR, che sulla secondaria) e dalle promozioni della GDO che girano al pubblico tutto lo sconto che l’editore garantisce alle librerie……

Spero di non aver nuovamente abusato della sua pazienza, e confido anche sul Vostro impegno in tal senso: non lavorare con la scolastcia, per moltissimi, significa non avere le basi per proporre varia il resto dell’anno.

Cordialità,

Antonio Terzi
SIL Confesercenti

read more »

maggio 28, 2011

piccoli editori a Mantova

Ritorna Piccoli editori a Mantova, il viaggio nel mondo della lettura che vede coinvolti, tutti insieme e in sinergia, editori, biblioteche, librerie e lettori. L’esposizione organizzata dal Centro Culturale Gino Baratta e dal Sistema Bibliotecario Grande Mantova vuole essere un nuovo e significativo momento per favorire l’incontro tra libro e lettore.

Nella accogliente sede della Biblioteca Baratta, la manifestazione propone una indicativa rassegna della produzione di piccoli editori di qualità, di rilevanza nazionale, con particolare riguardo all’editoria per l’infanzia e al graphic novel.

Una specifica attenzione è stata, inoltre, rivolta alle opere locali, cui viene dedicata una apposita sezione, che presenta autori e temi rilevanti dell’ambiente culturale mantovano, fonti molto spesso insostituibili per la conoscenza del nostro territorio.

read more »

maggio 19, 2011

Per l’assemblea generale AIE

Milano/Roma, 18 maggio 2011,

Al futuro Presidente dell’AIE
Al futuro Presidente del Gruppo Piccoli Editori
Al Consiglio del Gruppo Piccoli Editori

In occasione dell’assemblea generale e della votazione per le principali cariche della nostra associazione, i Mulini a Vento colgono l’occasione per far presenti alcuni punti essenziali, che riteniamo essere stati carenti nella scorsa gestione:

1. Impegnarsi per una nuova vera Legge sul Libro, ispirata a quella francese che, da quanto è risultato da ogni incontro e ogni pubblico dibattito all’interno e all’esterno dell’AIE, è il vero modello a cui tutti aspiriamo. E controllare nel frattempo che la legge che dovrebbe essere definitivamente approvata in questi giorni venga applicata.

2. Maggiore e migliore comunicazione ai soci delle iniziative e delle decisioni dell’Associazione e una possibilità di più diretta partecipazione ai dibattiti fondamentali.

3. In particolare chiediamo al Presidente e al Consiglio del Gruppo Piccoli Editori maggiori informazioni agli editori interessati e loro maggiore coinvolgimento.

4. Trasparenza nella gestione, in particolare dell’uso dei soldi assegnati o raccolti dall’Associazione.

5. Impegnarsi in una vera strategia di promozione della lettura

6. Battersi per la riduzione dell’IVA nell’e-book e per includere una sua regolamentazione nella futura Legge per il Libro.

Alla gestione che tenesse conto e facesse proprie queste richieste, i Mulini a Vento darebbero con forza e passione il loro contributo e la loro partecipazione.

I Mulini a Vento in AIE
Iperborea, La Nuova Frontiera, minimum fax, nottetempo, Voland