legge sul libro?

di Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai

Mentre pare ormai avviato a conclusione l’iter per l’approvazione della nuova legge sul libro, crediamo utile alla discussione fare presente la posizione del Sil Confesercenti sul tema. Ci vantiamo infatti ancor oggi di rappresentare la posizione più limpida e meno condizionata da altri fattori e commistioni di alcun tipo, a favore delle librerie indipendenti, delle piccole librerie e delle cartolibrerie.

Doverosa ci pare una premessa: il nostro Sindacato non è stato coinvolto in alcun modo ai tavoli della trattativa: ci è solo stato richiesto, ad iter ormai avanzato, l’avallo di alcuni emendamenti, che abbiamo ritenuto necessario concedere e senza i quali anche i pochi obiettivi che questa legge concretizza sarebbero venuti meno.

Inoltre una notazione sul metodo: la situazione del settore avrebbe richiesto al legislatore di agire in funzione dell’interesse collettivo e non attraverso la ricerca di una mediazione che di fatto vede prevalere anche questa volta chi è in grado di fare la voce più grossa: gli editori e in particolare quelli che detengono gran parte del mercato.

Se si fosse tenuto presente l’interesse collettivo di garantire un servizio sul territorio (che già in gran parte è venuto meno) e di mettere anche sotto controllo le dinamiche dei prezzi del prodotto-libro, si sarebbe giunti a ben altra legge e a ben altre conclusioni, optando per soluzioni che in gran parte degli altri stati europei sono già state adottate da decenni, con risultati apprezzabili sotto tutti gli aspetti: tutela della piccola libreria e dell’editoria indipendente, riduzione del prezzo dei libri, efficienza.

Poco senso ha parlare di prezzo fisso e nel contempo concedere la possibilità di effettuare sconti fino al 15%, poco senso ha non normare un settore tanto importante, per librai e consumatori, come quello dei testi scolastici (mentre nel frattempo si rincorrono insensate soluzioni palliative che puntualmente falliscono), poco senso ha concedere un canale preferenziale agli editori che si possono permettere di possedere e gestire catene di librerie a discapito di tutte le altre librerie (ci riferiamo alla possibilità di effettuare promozioni per 11 mesi all’anno).

Alla fine dell’iter approvativo ne risulta un impianto di legge che contraddice gli obiettivi enunciati al primo comma della stessa, e che pare raggiungere il solo scopo di tutelare le librerie di catena dei grandi editori contro la grande distribuzione.

In buona sostanza questa legge rischia, se non seguita da altri interventi, di rappresentare l’ennesima occasione perduta, un nuovo rinvio alla reale soluzione dei problemi del settore. Con la conseguenza che quando ci si accorgerà che la legge in questione non è stata sufficiente ad invertire una tendenza, né a tutelare davvero le piccole librerie né a portare vantaggi per i consumatori, librerie e cartolibrerie saranno passate da “in estinzione” a “estinte”.

Rinnoviamo la disponibilità del nostro sindacato a fornire il proprio contributo se si vorrà in qualsiasi sede approfondire meglio e più a fondo le tematiche e le nostre posizioni.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: