La nostra replica a Marco Polillo

"His master's voice". Oh! What master?

[sul sito Affaritaliani.it è stata pubblicata ieri l’intervista a Marco Polillo, presidente AIE e oggi la replica de i mulini a vento]

de i mulini a vento

La replica all’appello dei Mulini a vento da parte di Marco Polillo, presidente dell’AIE, ci dà l’opportunità di evidenziare un aspetto che inizialmente ci sembrava difficile mettere sul tavolo, ovvero la mancanza di rappresentatività che è all’origine dello scontro di questi giorni. Se l’avessimo detto sin da subito sarebbe stato poco credibile, ma adesso, potendo mostrare le centinaia di adesioni da parte di editori, librai e scrittori, diventa evidente. Non possiamo parlare per l’ALI, non avendo esperienza diretta, e saranno eventualmente i librai a replicare. Ma per quanto riguarda l’AIE, Polillo molto accortamente dice che gli organi dell’AIE (e non l’assemblea) hanno approvato all’unanimità il testo della legge. Tant’è vero che ben 5 dei 6 Mulini a vento sono associati AIE e non hanno mai saputo nulla del processo in atto, se non a cose praticamente fatte. Ci sembra dunque che la prima mistificazione, davanti agli occhi di tutti, sia proprio cercare di far valere la forza di una decisione di pochi accampando un’unanimità che chiaramente non c’è.

Polillo dice che vogliamo imporre la nostra volontà agli altri. A noi sembra invece di avere sollevato un dibattito e chiesto modifiche motivate a una legge che riteniamo inadeguata e dannosa, portando il confronto con leggi di altri Paesi europei che hanno fatto ottima prova in questi anni. Ci sembra un processo democratico, di cui la politica in primo luogo, e le associazioni di categoria in secondo luogo dovrebbero tenere conto. Ci rattrista che il presidente dell’Associazione Editori Italiani, che stimiamo come editore, invece di accettare il confronto sul tema della legge ricorra alla tecnica tutta italiana di screditare chi la pensa diversamente: ci sono alcune centinaia di persone di notevole esperienza e cultura che vengono fatte passare per tonte perché non “hanno realmente compreso la portata delle disposizioni in questione”.

Riguardo alla concorrenza tra Dan Brown e Pascoli (nobile duello fra due autori che godono entrambi della nostra stima e ammirazione incondizionata) non capiamo il punto. Gli editori e i librai indipendenti non temono la concorrenza, perché se c’è concorrenza ne traggono giovamento tutti. Anche i lettori, che non devono temere l’eliminazione degli sconti (e attenzione: quando parliamo di eliminare o limitare gli sconti parliamo dello sconto selvaggio sulle novità. I lettori si tranquillizzino: continueranno a trovare le librerie di remainder e dell’usato con riduzioni anche del 50% del prezzo di copertina). In assenza di sconti il prezzo dei libri che normalmente venivano scontati scenderà automaticamente (il lettore non pensi che chi sconta i libri intende rinunciare ai suoi profitti) e le librerie ritorneranno a essere l’una diversa dall’altra, si allontaneranno dall’omologazione causata dalla necessità di non perdere la promozione. Quello che temiamo, è una concorrenza con regole diverse per operatori grandi e piccoli. L’assenza di sconti mette tutti sullo stesso piano; la possibilità di sconti elevati e di promozioni incondizionate favorisce in maniera spropositata i grandi gruppi.

Se avessimo una legge come quella francese o tedesca, l’attenzione tornerebbe sul valore e la qualità dei libri, sui contenuti, e potremmo smetterla di parlare di prezzi e sconti. È davvero utopico poter sperare in un mondo editoriale e librario dove al centro ci siano i libri, la lettura e i lettori?

Annunci

One Comment to “La nostra replica a Marco Polillo”

  1. Purtroppo la parola utopia è al centro di molte considerazioni riguardo al futuro di questo paese e lo è ancor di più ogni qual volta si cerchi di parlare del bene e del futuro di TUTTI. In questo paese non esistono più i TUTTI, esistono le corporazioni, le lobby, i circoli e mi fermo… E’ utopico pensare che si parli di TUTTI, quando chi fa le regole, chi fa o dovrebbe far rispettare le regole, chi gioca, chi tifa e chi arbitra in questo paese ha un ruolo attivo in ogni ambito citato; e non parlo solo dell’ innominabile, parlo di fior fior di editori che stampano, editano, distribuiscono, promozionano, vendono direttamente al mercato, al cosumatore (come lo chiamano loro) finale. E’ un’ utopia che qualcuno in questo paese possa anche solo pensare di promuovere una legge che impedisca, che interrompa questo sistema. Qualcuno scrive che questa legge migliora quella in vigore, boh ? Il grosso problema di questa legge è il solito italiota problema, CHI CONTROLLA I CONTROLLORI ? Chi farà rispettare le regole ?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: